Collezione fotografica

Le fotografie della collezione fotografica della FPC sono consultabili:

La Fondazione, in collaborazione con l’Archivio di Stato del Canton Ticino e con il sostegno finanziario di Memoriav (Associazione per la salvaguardia e la valorizzazione del patrimonio audiovisivo svizzero), tra il 2011 e il 2015 ha realizzato un progetto di conservazione, descrizione e valorizzazione del Fondo 00, dove sono riunite tutte le fotografie contenute nei fondi d’archivio della Fondazione.

Il Fondo 00 è una collezione fotografica che illustra di maniera continua, dalla fine del XIX secolo sino ai giorni nostri, la storia sociale, politica, economica del Canton Ticino. Vi si trovano per esempio fotografie sul fascismo e l’antifascismo, sugli scioperi, le manifestazioni e la vita sociale degli operai all’inizio del XX secolo, così come un importante corpus sulla costruzione delle strade in Ticino. Il Fondo 00 della Fondazione rappresenta uno dei pochi archivi fotografici in grado di descrivere lo sviluppo della storia sociale della Svizzera italiana, con particolare attenzione alla storia del lavoro e dei movimenti sociali.

Il progetto riguarda le fotografie scattate nel periodo precedente il 1945 e ha implicato il restauro, da parte dell’Istituto Svizzero per la Conservazione della Fotografia, di una selezione di circa 1’000 prove originali e la digitalizzazione e la descrizione di tutte le fotografie, che sono state inserite nel catalogo fotografico dell’Archivio di Stato del Canton Ticino e nella banca dati di Memoriav “Memobase”. Il progetto si è concluso con la valorizzazione della collezione fotografica nel quadro dell’esposizione “Immagini al plurale”, che si è tenuta dal 30 agosto al 1°novembre al castello di Sasso Corbaro a Bellinzona.

 

Iniziative di valorizzazione

Dall’estate 2013 all’estate 2015, abbiamo proposto un’iniziativa denominata “Calendario fotografico”, grazie alla quale, con scadenza mensile, abbiamo presentato una fotografia scattata prima del 1945, appartenente alla nostra collezione fotografica.

In occasione della Giornata mondiale del Patrimonio audiovisivo UNESCO 2013, la FPC ha organizzato una serata intitolata “Strade immaginate. Passeggiata in una collezione fotografica”, per presentare al pubblico le fotografie che compongono la sua collezione e Rete Due ha realizzato un servizio nella rubrica Foglio volante, con interviste al prof. Fabio Minazzi dell’Università degli Studi dell’Insubria, a Letizia Fontana (archivista FPC) e a Gianmarco Talamona (Archivio di Stato del Canton Ticino).

L’edizione N. 41 (11 ottobre 2013) della rivista Ticinosette, intitolata “Sulla strada. Un Ticino inedito visto con lo sguardo della Fondazione Pellegrini Canevascini” contiene un reportage di presentazione della nostra collezione fotografica.

L’edizione N. 23 (6 giugno 2014) della rivista Ticinosette contiene un reportage intitolato “Tempo libero. Le colonie estive attraverso le immagini conservate negli archivi della Fondazione Pellegrini Canevascini”.

L’edizione N. 35 (28 agosto 2015) della rivista Ticinosette, intitolata “Foza di gruppo. Al Castello di Sasso Corbaro a Bellinzona immagini inedite della collezione fotografica della Fondazione Pellegrini Canevascini”, contiene un reportage sui ritratti di gruppo.

Il n. 31 dei Cahiers d’histoire du mouvement ouvrier, intitolato “Emblèmes et iconographie du mouvement ouvrier” contiene un contributo sulle fotografie della collezione FPC.