Officine FFS: esposizione e progetto

“Guerra e pace del lavoro! L’Officina: il senso di uno sciopero”

Nel 2008, in pieno sciopero dell’Officina di Bellinzona, la collaborazione tra l’Archivio di Stato del Canton Ticino e la Fondazione Pellegrini Canevascini, grazie anche al lungimirante sostegno dell’esecutivo cantonale, permise la raccolta di buona parte dei materiali prodotti dal movimento; ora questi materiali sono depositati nel Fondo 61 della Fondazione Pellegrini Canevascini, accessibile al pubblico presso l’Archivio di Stato a Bellinzona (inventario). Un anno dopo, cominciava una nuova avventura: con il progetto “Memorie di Ferro”, la Fondazione Pellegrini Canevascini, in collaborazione con l’Associazione Treno dei Sogni, raccolse circa 70 lunghe interviste filmate.
 
È nato così un concetto espositivo che dà una profondità temporale allo sciopero, momento forte inserito nel lungo periodo delle trasformazioni sociali ed economiche. Le testimonianze audiovisive dei protagonisti dello sciopero dell’Officina accompagnano il visitatore lungo il Novecento: quali i cambiamenti nel lavoro? Quale l’influenza della cultura sindacale e padronale? Quale il ruolo dello Stato sul territorio? Quali i rapporti tra il centro e la periferia? E infine, quale il senso di uno sciopero? Questi alcuni degli aspetti che l’esposizione invita a indagare.

Continua a leggere…