Sguardi su Libera Stampa a cent’anni dalla nascita (1913-2013)

 

SGUARDI SU LIBERA STAMPA A CENT’ANNI DALLA NASCITA (1913-2013)

Mare Dignola, Pasquale Genasci, Renato Simoni, Enrico Morresi

2014

 

 

 

 

 

 

 

 

Il volume, edito dalla Fondazione Pellegrini – Canevascini, raccoglie gli atti del pomeriggio di studio svoltosi alla Casa del Popolo di Bellinzona il 14 settembre 2013, come ricordano Marco Tognola e Saverio Lurati nella parte introduttiva.

Mare Dignola, con una ricognizione nella stampa ticinese del giugno 1913, evidenzia le reazioni delle varie testate di fronte al neonato foglio socialista: non solo del conservatore Popolo e Libertà e del liberale Il Dovere, ma pure della rivale Aurora e dell’Adula “Organo svizzero di coltura italiana”.

Pasquale Genasci, profondo conoscitore della storia del Partito socialista e del suo organo di stampa, ne ripercorre sinteticamente la vita durante il “secolo breve”: da settimanale di battaglia a quotidiano, schierato precocemente nel campo antifascista, nonostante i colpi della censura, impegnato nella promozione dei diritti sociali, della cultura e dell’istruzione per tutti.

Nell’ultima parte della sua riflessione egli evidenzia le difficoltà che porteranno alla chiusura del giornale (1993), collocandole nelle trasformazioni degli organi di comunicazione e nelle novità politiche cantonali durante l’ultimo quarto del Novecento.

E nel saggio“Una fine annunciata guardata da vicino”, uno specialista attento e sensibile come Enrico Morresi, ci offre uno spaccato delle trasformazioni che la stampa cantonale conosce nel secondo dopoguerra inserendovi, con la chiarezza e la competenza professionale che gli sono abituali, le vicende interne del quotidiano e del socialismo ticinesi.

Renato Simoni si occupa nei due articoli centrali dei rapporti tra Libera Stampa e la Guerra di Spagna (1936-1939). Egli mette in luce lo straordinario contributo informativo e politico offerto dal foglio socialista sia ai suoi abituali lettori sia ai “combattenti della libertà” sui campi di battaglia, fungendo da ponte tra il fronte antifranchista e quella parte di società civile schierata sin dalla prima ora a sostegno della libertà, al di sopra dei confini nazionali.

Un feroce scontro che anticipa tragicamente ciò che buona parte del mondo vivrà direttamente, spesso in casa propria, tra il 1939 e il 1945.

 

Una recensione di Gabriele Rossi è stata pubblicata nella rivista Il Cantonetto, anno LXII, n. 1-2, febbraio 2015.

 

Acquista il volume

Il libro è disponibile presso le Edizioni Casagrande di Bellinzona.

Potete ordinarlo direttamente on line dal sito cliccando QUI